Osservazioni a margine della sentenza a sezioni unite della Corte di Cassazione del 12 maggio 2020 n. 8770